Relazione del Presidente presentata all’Assemblea dei Soci del 12/06/21

Diffondiamo con le newsletter la Relazione del Presidente Giulio Godi, che peraltro é stato riconfermato alla guida della Sezione del CAI di Lucca per il prossimo triennio, nella prima riunione del nuovo Direttivo, eletto nel corso dell’Assemblea annuale del 12 giugno 2021.

Giulio Godi, nella sua esposizione in assemblea, ha ripercorso le fasi salienti dei lavori del Direttivo in scadenza ed i provvedimenti adottati nel corso del triennio, partendo dagli impegni che si prospettavano ad inizio mandato nel 2018.

Ci preme sottolineare da cronisti attenti ed interessati, che nel corso della sua esposizione in Assemblea, ci sono apparse particolarmente rilevanti e apprezzate dai presenti le considerazioni (non riportate nella sua relazione) espresse da Giulio riguardo al “volontariato”, svolto con entusiasmo e dedizione dai Soci CAI, a beneficio certamente di tutti i consoci, ma in particolare, a beneficio della cittadinanza tutta: frequentatori e abitanti della montagna, ma anche gli altri.

Frequentazione e benefici che, nell’immaginario collettivo di questi “volontari”, dovrebbero indurre nei fruitori lo svilupparsi di importanti sentimenti e valori, riguardo al rispetto e alla tutela dell’ambiente, alla solidarietà nei confronti di chi ha delle difficoltà, all’educazione dei giovani, al miglioramento della qualità dei rapporti sociali, ecc, ecc. Tutte aspirazioni che da sempre costituiscono il prezioso patrimonio ideale del Club Alpino Italiano: ora messe anche nero su bianco nel nostro nuovo Statuto Sezionale, ad omaggiar la legge.

Giulio ha elogiato questo volontariato attivo, ma lo pratica anche.

Per questo gli siamo grati!

Il Direttivo

Relazione del presidente della Sezione di Lucca del Club alpino Italiano, presentata all’assemblea generale dei soci del 12 06 2021.

Care socie e cari soci,

costatata con rammarico la scarsa affluenza all’assemblea annuale del 12 giugno scorso, sento il dovere e la necessità di scrivere quanto ho cercato di esporre compiutamente “a braccio” nel corso della stessa.
Sicuramente ciò è stato determinato, almeno in parte, anche dal difficile periodo attraversato a causa dell’emergenza pandemica, che ancor oggi ci condiziona un po’.
Confido, pertanto, con questa iniziativa, di raggiungere, se non tutti, almeno una buona parte di coloro che non erano presenti e che ricevono le nostre newsletter.
L’assemblea annuale è, a mio avviso, uno dei momenti più significativi della vita sociale del Club Alpino Italiano, momento d’incontro dove il direttivo in carica si relaziona con i soci, comunica quanto fatto per la sezione e ne chiede l’approvazione.
E sono i soci riuniti in assemblea, che eleggono il nuovo direttivo che guiderà la sezione nel prossimo triennio!
Questi passaggi fondamentali, in una sezione con oltre 700 iscritti, non possono essere demandati ai soli 35 soci presenti.
Soci che ringrazio calorosamente per avermi ascoltato, ai quali ho esposto i momenti più importanti del triennio appena concluso, esprimendo, credo, la soddisfazione e il piacere di essersi adoperati per la sezione, al meglio delle proprie possibilità.
Per quanto mi riesca facile riportare in una relazione scritta quanto realizzato nei tre anni trascorsi, non so quanto altrettanto mi sia facile comunicarvi l’entusiasmo e il piacere con cui tutto il direttivo uscente, si è impegnato per mettere in pratica tutte le azioni necessarie per il raggiungimento degli scopi sociali.
Nel corso del 2018 è stato elaborato il piano finanziario per la ristrutturazione ed ampliamento del rifugio Enrico Rossi alla Pania. Grazie ai finanziamenti ottenuti dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, dalla Sede Centrale e dal Gruppo Regionale del Club Alpino Italiano, dall’ente Parco Regionale delle Alpi Apuane ed in particolare grazie alle risorse accantonate dalla sezione negli anni passati, nel 2019 abbiamo dato inizio ai lavori. Nel corso del 2020 siamo riusciti a chiudere la nuova struttura, che sarà inaugurata durante questa stagione estiva.
Sempre nel triennio trascorso è stato rinnovato il sito sezionale e migliorato il sistema d’invio delle newsletter, grazie al lavoro di due consiglieri e di altri soci che hanno collaborato.
La nuova sede in via Bichi, avuta in comodato come alternativa alla sede di via Grandi, sembrava aver risolto i problemi di spazio legati alle nostre numerose attività. Purtroppo, come sapete, alla fine dell’anno ci è stato chiesto di liberare l’immobile. Al momento non abbiamo dato seguito alla richiesta dell’ente, non essendoci stato proposto niente come alternativa.
Il nuovo consiglio dovrà impegnarsi a trovare una sede che ci consenta di riprendere tutte quelle attività che abbiamo fatto in via Bichi fino all’inizio della pandemia, lezioni teoriche dei vari corsi organizzati dalla nostra Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera, serate per la presentazione di libri e proiezione di film, incontri tra soci per la programmazione di gite e per organizzare le uscite di manutenzione sentieri.
Il consiglio uscente, nel periodo più buio della pandemia, ha continuato a riunirsi in video almeno una volta al mese, portando a termine l’iscrizione della nostra sezione al Registro Unico degli Enti del Terzo Settore (RUNTS). Per questo importante passo, è stato necessario modificare lo statuto sezionale, adeguandolo agli articoli previsti dalla legge. Ringrazio personalmente il consigliere Lorenzo Martinelli per il grande impegno con cui si è adoperato per questo obiettivo, raggiunto con la presentazione del nuovo statuto nell’assemblea di ottobre 2020, tenuta necessariamente in presenza del Notaio.
Nel 2020 la nostra attività sociale si è fermata. Sono state annullate quasi tutte le gite, tutti i corsi messi in calendario, gli incontri e le mostre. Ma tanti soci hanno ugualmente rinnovato l’iscrizione, ed il numero degli iscritti, pur in leggera flessione, ha superato i 700.
Ma sempre nel 2020, non appena le norme anti-covid hanno permesso spostamenti via, via, più ampi, abbiamo assistito ad una incredibile invasione delle nostre montagne, anche da parte di tanti che finora non le avevano mai frequentate.
Le proiezioni delle iscrizioni ad oggi, disponibili per ogni sezione sul portale CAI, ci fanno prevedere per il 2021, una crescita significativa del numero degli iscritti.
Il nuovo consiglio farà tutto il possibile affinché il Club Alpino Italiano sia sempre più l’associazione di riferimento per chi vuole conoscere, frequentare ed amare la montagna in sicurezza e nel rispetto dell’ambiente.

Giulio Godi

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie:

Cookie di "terze parti"

Visitando il presente sito web si potrebbero ricevere cookie da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn, oppure sistemi di visualizzazione di contenuti multimediali embedded (integrati) come ad esempio Youtube, Flikr. Si tratta di parti generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina web del sito ospitante visitato. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da "terze parti" è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione dell'eventuale comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente. Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: con la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici potrebbe compromettere l'utilizzo ottimale del sito. La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti". A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. In internet è facilmente reperibile la documentazione su come impostare le regole di gestione dei cookies per il proprio browser, a titolo di esempio si riportano alcuni indirizzi relativi ai principali browser:

Chiudi